Parco Geominerario della Sardegna

IL PARCO GEOMINERARIO, STORICO AMBIENTALE DELLA SARDEGNA


La Sardegna, una regione ricca di risorse estrattive con una tradizione mineraria millenaria che risale al tempo dei nuraghi. Tutti i popoli succedutisi nel territorio, Fenici, Punici e Romani, poi Pisani, Catalani e Piemontesi sfruttarono i ricchi giacimenti di piombo, zinco ed argento. Una storia mineraria conclusasi tra gli anni 80’ e 90’ del secolo scorso con la chiusura delle ultime miniere metallifere dell’Iglesiente e Guspinese.


Un’eredità, un patrimonio culturale, storico, industriale, archeologico ed etnografico che doveva essere preservato in modo che restasse nella storia. Ciò portò all’istituzione nel 2001 del Parco Geominerario, Storico e Ambientale della Sardegna, primo parco della Rete Mondiale di Geositi/Geoparchi dell’Unesco. Il parco è esteso circa 3.500 Km2, per la maggior maggior parte a Sud Ovest della Sardegna, nei territori del Sulcis - Iglesiente e Guspinese.


Nell’Iglesiente in particolare, sono molteplici le testimonianze di questo passato: impianti minerari, villaggi operai, pozzi d’estrazione, migliaia di chilometri di gallerie ed antiche ferrovie. Non solo opere dell’uomo, nel parco vi sono straordinari ambienti naturali: falesie e faraglioni, cavità carsiche, montagne ammantate da foreste ed incantevoli spiagge.


Tutto ciò rende quest’area unica dal punto di vista storico, archeologico, geomorfologico, speleologico e botanico. L’escursione proposta consente di scoprire questo variegato patrimonio ripercorrendo la storia del territorio.